Come restare in buona salute, 1987

Come restare in buona salute. Informazioni e consigli per le persone sieropositive e per i loro famigliari e conviventi.

Comunicato stampa, luglio 1987
L’ASA comunica con soddisfazione di aver intrapreso una prima distribuzione di un opuscolo destinato alle persone sieropositive, che sarà disponibile gratuitamente nei locali gay, presso il Circolo Culturale Querelle e la sede dell’Associazione, nonché nei Centri di Screening del Comune di Milano.
Con tale pubblicazione l’ASA prosegue un lavoro fondamentale, benché trascurato dalle istituzioni, inteso a garantire ai soggetti risultati positivi al test anti-Hiv un’informazione sistematica, interesse costante, solidarietà umana e assistenza psicologica.

L’ASA ha sempre dedicato una parte consistente delle attività alle persone più colpite, e talora sconvolte, dall’Aids, per far fronte a necessità e bisogni in genere non riconosciuti altrove. Non è pensabile, infatti, che a tale fascia di popolazione vengano poste solo richieste in termini di senso di responsabilità e “trasparenza”, senza che offrire servizi e punti di riferimento validi. In proposito, si ricorda che da diversi mesi in ASA vengono gestiti gruppi di sostegno psicologico, uno formato da gay e uno da donne.

L’opuscolo Come restare in buona salute cerca di dare una risposta, talora esauriente e tal’altra di primo livello, ai molti quesiti e problemi connessi alla sieropositività: dal significato del test e della terminologia scientifica alla cura di se stessi e dell’alimentazione; dalle avvertenze riguardo ai medicinali e ai vaccini alle precauzioni nei contatti sessuali.
Il testo si rivolge indifferentemente a gay ed eterosessuali, maschi e femmine.

Mattia Morretta

Fotografia di Roby Schirer, 1986: I quattro fondatori dell'Associazione Solidarietà Aids

Comments are closed.