Percorso professionale

Ed elli a me: «Se tu segui tua stella,
non puoi fallire a glorioso porto,
se ben m’accorsi ne la vita bella»

(Dante, Inferno, Canto XV, 55-57)

Dopo la maturità classica al Liceo Zucchi di Monza gli studi universitari sono stati conclusi presso la Statale di Milano col conseguimento della laurea in Medicina e Chirurgia (1983) e la specializzazione in Psichiatria (1987), per proseguire con la formazione sessuologica (Diploma di Consulente nel 1988 e di Psicoterapeuta in Sessuologia nel 1993) e quella psicoterapeutica (trattamento analitico dal 1991 al 1994).
Nel 1993 è avvenuta l'iscrizione all'Albo Psicoterapeuti dell’Ordine dei Medici e Chirurghi di Milano con passaggio successivo all’Ordine provinciale di competenza di Monza e Brianza.

L’attività professionale è stata svolta contemporaneamente nel servizio sanitario pubblico e in ambito privato, con speciale cura per l’utenza omosessuale. La scrittura ha accompagnato tutto il corso lavorativo, a partire dalla collaborazione continuativa con la Fabbri Editori per l’Enciclopedia Sessuologica in fascicoli Amare nel 1986 e nel 1987.

Il primo incarico formale risale al marzo 1987 presso il Centralino Informazioni Aids del Comune di Milano, con successivo coinvolgimento nel Coordinamento Assistenza Domiciliare Aids dell’Assessorato alla Sanità. Dal 1992 sede operativa è stata l’Ambulatorio Patologie Infettive della USSL 75/1 (Azienda USSL 36), quindi dal 1996 al 2003 il NOPA (Nucleo Operativo Prevenzione Aids), infine il Centro Riferimento Hiv e Malattie a Trasmissione Sessuale della ASL Milano poi ATS Città metropolitana.

Dal 1992 al 1996 è stato dato un contributo fattivo al COAM (Centro Operativo AIDS del Comune di Milano, Ufficio Città Sane) in qualità di tecnico dell’Azienda sanitaria locale.

Nello stesso periodo sono stati realizzati interventi formativi per operatori sanitari sulle materie di competenza, tra i quali uno dei più significativi è la conduzione di un Corso di Aggiornamento obbligatorio per il personale dei Consultori Famigliari di Milano nel 1988 (Problematiche relative all’educazione sessuale con particolare attenzione al tema dell’omosessualità).

Dal 1992 al 1995 sono state tenute lezioni sull'omosessualità e sull'Aids nei corsi della Scuola Superiore di Sessuologia Clinica, sede di Milano. Per il medesimo Istituto sono stati gestiti incontri di approfondimento sulla tematica omosessuale nel 1993 per il Consultorio Famigliare della USSL 75/IV di Milano e nel 1995 nel seminario dedicato presso la sede fiorentina.

Altro settore operativo è stato l’educazione alla salute, mediante l’ideazione e il coordinamento dal 1992 al 1997 di progetti sulla sessualità e sulla prevenzione dell’Aids rivolti agli studenti delle Scuole Medie Superiori, in collaborazione con il Servizio di Medicina Scolastica della USSL.
Oltre alla presenza diretta nelle classi, sono stati creati gruppi per i medici scolastici e i docenti, documentando con apposite pubblicazioni il lavoro e i risultati.

Dal 1988 al 1992 è stato altresì ricoperto il ruolo di consulente psicoterapeuta per l’Ufficio Minori, Settore Servizi Sociali del Comune di Milano (Servizio materno infantile zona 10).

Dal 1992 al 1998 nell’ambito del CeAS (Centro Ambrosiano di Solidarietà) di Milano sono stati condotti gruppi psicoterapeutici per soggetti tossicodipendenti (con diagnosi di sieropositività per Hiv e/o con diagnosi di disturbo psichico) e incontri di supervisione degli operatori.
Il ruolo di supervisore è stato inoltre svolto dal 1993 al 1995 per l’Unità Operativa Aids di Montichiari (Brescia).

Nel contesto ASL è stata effettuata nel 1998 e 1999 una consulenza aggiuntiva nel progetto relativo al sostegno psicologico e alla terapia sistemico-relazionale per congiunti (partner e familiari) di soggetti Hiv positivi.

A partire dal 2001 è stato svolto nei Centri Hiv/MTS lavoro di équipe e supervisione di casi clinici, in seguito è stato dato un contributo nell'organizzazione e quale docente in Corsi di aggiornamento: nel 2006 "La sessualità invisibile tra salute e malattia", nel 2018 "La gestione di casi problematici nel Servizio MTS".

Principali scritti e libri:
Il cesso degli angeli. Graffiti sessuali sui muri di una metropoli, Gammalibri, Milano, 1979
Articoli per l’Enciclopedia Sessuologica in fascicoli Amare della Fabbri Editori (1986-1987)
Offrire e dare solidarietà, in Aids I ruoli e le responsabilità delle Istituzioni pubbliche e private , Europa Scienze Umane Editrice, Milano, 1992
La persona con Aids e il suo contesto di vita, in Assistenza domiciliare a persone con Aids: un problema aperto , F. Angeli, Milano, 1992
Il percorso del morire, Unicopli, Milano, 1995
Sessualità e Aids: dal limite alla creatività, A 77, Milano, 1996
L’età dell’incoscienza. Approccio culturale alla prevenzione dell’Aids nelle Scuole Medie Superiori, USSL 36, Milano, 1996
Effetti collaterali del benessere. I nuovi sintomi del disagio giovanile, Associazione Italiana Donne Medico, Milano, 1996
Lezioni di vita. La prevenzione dell’Aids nelle Scuole Medie Superiori, ASL Milano, 1997
Legami a rischio, Uno studio sulla vita affettiva e sessuale nelle relazioni con soggetti Hiv positivi, ASL Milano, 2000
Che colpa abbiamo noi. Limiti della sottocultura omosessuale, Gruppo Editoriale Viator, Milano, 2013-2014
Tracce vive. Restauri di vite diverse, Gruppo Editoriale Viator, Milano, 2016
Viva Dalida. Icona immortale, Gruppo Editoriale Viator, Milano, 2017
Questo matrimonio non s'ha da fare. Crisi di famiglia e genitorialità, Gruppo Editoriale Viator, Milano, 2019

Mattia Morretta